Emergenza Covid, quali attività possono essere rimborsate

Emergenza Covid, quali attività possono essere rimborsate

mondopolizze.it

Emergenza covid la chiusura dei luoghi di aggregazione ha giustamente bloccato tutte quelle attività che regolarmente venivano svolte, come palestre, corsi di danza ma anche asili per i bambini, piscine, trasporti e tante altre attività che nonostante il blocco, almeno per qualcuna, continua ad essere pagata.

Cosa dicono i decreti a riguardo?

Essendo contratti con prestazioni corrispettive. In questi casi, le prestazioni sono: il servizio erogato e il pagamento del prezzo.

Ai sensi dell’art. 1463 del Codice Civile, nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione, non può chiedere la controprestazione e deve restituire quella già ricevuta.

Impossibilitate ad erogare servizio quindi, molte attività e strutture con questa emergenza ai sensi dell’art. 1463 del Codice Civile, non possono chiedere il pagamento.

E’ possibile quindi che i consumatori che non hanno potuto sfruttare i mesi pagati, possano richiedere dei rimborsi.

RIMBORSI:

PALESTRE, PISCINE, CORSI

Chi ha stipulato abbonamenti annuali o mensili ha diritto al rimborso per il periodo in cui non ha potuto usufruire del servizio a causa della chiusura della struttura.

Discorso diverso per chi aveva acquistato ingressi senza data di scadenza, i quali potranno essere utilizzati i prossimi mesi ad emergenza conclusa.

SCUOLE PRIVATE

Per le scuole private ed i servizi da esse erogati occorre verificare il contratto stipulato tra le parti al momento dell’iscrizione.

Se è presente una clausola che prevede ugualmente il pagamento della retta nonostante la chiusura della struttura per cause esterne alle parti, l’importo è dovuto.

Se non è prevista una clausola di questo tipo, si applicano le norme di diritto privato e, trattandosi di un contratto a prestazioni corrispettive, la retta non va pagata perché il servizio non è stato erogato.

RETTE DEGLI ASILI NIDO

Per i nidi comunali/statali sono state emanate delle ordinanze, la maggior parte delle quali hanno stabilito di non pagare i mesi di chiusura dell’asilo a causa dell’emergenza. Invece, per coloro che avevano pagato l’intero anno in un’unica soluzione, hanno diritto al rimborso per il periodo di mancata fruizione del servizio a causa dell’emergenza.

Per i nidi privati, il rapporto è regolato dal contratto stipulato tra le parti al momento dell’iscrizione. Occorre leggere attentamente le clausole inserite all’interno dello stesso. Se è previsto ugualmente il pagamento della retta anche nel caso di chiusura della struttura imposta da cause esterne alle partil’importo è dovuto. Se non è prevista una clausola di questo genere, si applicano le norme di diritto privato e, trattandosi di un contratto a prestazioni corrispettive, la retta non va pagata in caso di mancata erogazione del servizio.

PER I TRASPORTI

Il decreto legge del 2 marzo 2020 ha previsto fino al 3 aprile 2020 il rimborso per i titoli di viaggio del trasporto aereo, ferroviario e marittimo.

Il vettore è tenuto a rimborsare il corrispettivo versato entro 14 giorni dalla richiesta oppure ad emettere un voucher di pari importo da utilizzare entro un anno dall’emissione.

PER I SOGGIORNI

Il decreto Cura Italia ha stabilito il rimborso per i soggiorni programmati fino al 3 aprile 2020 a seguito dei provvedimenti limitativi della circolazione adottati. Il corrispettivo versato per il soggiorno dovrà essere rimborsato in denaro entro 14 giorni dalla richiesta oppure attraverso l’emissione di un voucher di pari importo da utilizzare entro un anno dall’emissione.

SPETTACOLI MUSEI E LUOGHI DI INTERESSE CULTURALE

Il rimborso dei biglietti per gli spettacoli di qualsiasi natura, inclusi quelli cinematografici e teatrali, e di biglietti di ingresso a musei e altri luoghi culturali, sono previsti fino al 3 aprile 2020.

La richiesta di rimborso va presentata al venditore entro il 16 aprile 2020, allegando il biglietto acquistato.

Entro trenta giorni dalla richiesta verrà emesso un voucher di importo pari al biglietto acquistato, da utilizzare entro un anno dall’emissione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *